La partita perfetta….quando meno te l’aspetti. E dire che il vento spirava decisamente in favore dei padroni di casa, per aspettative, pronostici e presupposti. Da una parte la posizione preminente in classifica dei baresi , a due punti dal secondo posto idoneo a disputare i play off ,dall’altra ,in casa OLIMPIA S.B.V., una classifica precaria per la squadra del presidente Santoro, tutt’ora impelagata ad evitare la retrocessione.

Ne è venuta fuori una gara per i colori bianco-blu-celesti che, a nostro  avviso, è stata la migliore dell’intera stagione ,per sintesi tecnica e caratteriale , con una determinazione pervicace di tutti i suoi attori .

La scelta societaria di incidere, parallelamente al lavoro dei tecnici, con l’innesto nel gruppo di una risorsa umana con spiccate capacità psicologiche ,tale da curare la cultura collettivistica(il gruppo), ha dato i suoi frutti.

Sbancare il PalaCarbonara  ,dove Leverano ed Aversa hanno pagato un pesante dazio , con il solo Ottaviano che è riuscito ad imporsi sul sestetto di mister Cavalera   , la dice lunga sulla prestazione di Guarini e compagni.

Un mix di consapevolezza ed autostima, combinato ad un’attenta applicazione di schemi tattici, ha scombussolato le trame dei baresi : e non si dica che di fronte vi era una squadra demotivata.  

Le caratteristiche intrinseche dei gruppi allenati da Cavalera , unitamente al traguardabile obiettivo societario del secondo posto, non ammettono latitanze di motivazioni  ,né appagamenti di qualsiasi genere.

Il merito di mister Stomeo e dei suoi ragazzi è stato prettamente tecnico-tattico , con una lucida lettura degli schemi avversari che ha incartato i baresi, portandoli a commettere ben 21 errori in attacco contro i 13 dei salentini.

Ma il fondamentale che ha creato le basi della vittoria è stato il muro: un numero consistente di muri “toccati” ha consentito ricostruzioni efficaci e ben 20 murate secche  a De Tellis e compagni, a fronte degli undici subiti, che hanno fatto pendere la bilancia dalla parte dei salentini .

Una partita maiuscola  è stata quella di Gianluca Iaccarino i cui dati statistici dicono tutto:

18 palloni attaccati ,13 punti messi a segno con una percentuale di efficacia del 72%, ben 6 muri  effettuati , 1 muro subito, 1 errore in attacco per un totale di 19 punti.

La grande sintonia con Muccione nasce da situazioni contingenti in cui le precarie condizioni fisiche di Lentini  e Corsetti , hanno diversificato la gestione della regia del palleggiatore sardo .Oltre a chiamare ripetutamente in causa Buracci(67 palloni attaccati per un totale di 26 punti) , il regista di Giovanni Stomeo si è affidato ad un Petrosino in palla(13 i suoi punti , di cui 5 muri, pari ad un 44%  realizzativo) ed appunto al centrale perugino, incontenibile.

I cinque set hanno visto i padroni di casa portarsi in vantaggio nella prima frazione (25-23) ed essere poi raggiunti dagli ospiti nella seconda(24-26) : nuovo vantaggio nel terzo set per gli uomini di Cavalera(25-20)  e grande risposta dell’Olimpia SBV nel quarto set  che porta l’incontro in parità (23-25) sul 2 a 2.

Il tie break ha assunto così  l’aspetto per ambedue le squadre  del dentro o fuori.  

Annullato lo svantaggio iniziale, 5-3 per i biancorossi baresi, è  un crescendo galatinese: 9-10 ,9-12 con un prepotente muro a uno di Buracci su Scio che taglia le gambe ai padroni di casa, concedendo loro un solo punto. La vittoria per Guarini e soci dice 10-15 e due punti pesantissimi in classifica. Poi l’urlo liberatorio di tutti, tecnici, atleti e dirigenti.

Ma nulla ancora è raggiunto.

Il calendario mette a disposizione delle due squadre Ostuni e Castellana, dirette concorrenti alla retrocessione, sei punti virtuali contro i tre che sono in palio sabato 28 ,alle ore 18.00, al PalaPanico  nella gara decisiva contro il Leverano.

La mobilitazione di appassionati e tifosi che con partecipativo entusiasmo sosterranno i propri beniamini è fuori discussione, per cui non facciamo mancare la nostra presenza in tribuna.

Poi nell’ultima giornata , rispettando il turno di riposo, saremo spettatori interessati ai risultati delle nostre antagoniste.

La vittoria conseguita domenica sia un monito per tutti: vendere cara la pelle .

PALLAVOLO BARI – OLIMPIA S.B.V.GALATINA   2-3

(25-23,24-26,25-20,23-25,10-15)

OLIMPIA S.B.V. GALATINA: Corsetti 3 , Iaccarino 19, Lentini 7, Apollonio (L), Muccione 2 , Calò , Pierri (L), Persichino , Petrosino 13, Buracci 26,Guarini 6,Rossetti.  Coach: Stomeo. Ass. Bray

PALLAVOLO BARI:  De Tellis 6, Stigliano, Giorgio 14, Rinaldi(L) 2,Incampo 1, Scio 23, Petruzzelli 15, Capurso, Meringolo 16, Latorre 4, Di Gregorio. Coach Cavalera

Subscribe

Follow Us